USMI

Colloquio Internazionale sulla devozione al Sacro Cuore

Colloquio Internazionale sulla devozione al Sacro Cuore

È iniziato questo pomeriggio a Roma, all'Hotel Villa Aurelia, il colloquio internazionale intitolato “La devozione al Sacro Cuore. Memoria - Corpo - Immagine - Testo. Continuità e Discontinuità ”, promosso dalla Congregazione dei Sacerdoti del Sacro di Gesù e dall'Università di Lucerna (Svizzera).

Numerosi confratelli dehoniani provenienti da tutto il mondo, laici, membri di congregazioni religiose dedicate al Cuore di Gesù e studiosi su questi argomenti, partecipano al simposio. In tutto ci sono oltre 120 partecipanti.

Dopo l'apertura dell'incontro fatta da P. Stefan Tertuente, direttore del Centro Studi Dehoniani, nel pomeriggio sono intervenuti cinque relatori che hanno condiviso le loro ricerche con l'Assemblea alla luce dei temi "Memoria, corpo ed emozione". Devozione - Trasformazioni e dimensioni transculturali”.

Franziska Metzger dell'University of Teacher Education di Lucerna, ha parlato della dimensione linguistica, iconografica e rituale della memoria del Sacro Cuore. Secondo questa ricercatrice, le immagini rituali, come quelle del Cuore di Gesù, sono uno spazio di memoria.

Elke Pahud de Mortanges, della Albert-Ludwigs-University, di Friburgo, parlando del cuore di Gesù come corpo e incarnazione, ha sottolineato l'importanza del corpo come dimensione essenziale della Rivelazione, e del Cuore come luogo della memoria, rappresentazione fisica della passione. 

David Morgan, della Duke University, di Durham, ha parlato dell'eros e della visione della devozione al Cuore e a Gesù e dell'importanza che San Giovanni Eudes e i Gesuiti hanno avuto nella diffusione di questa devozione nella Chiesa.

P. Antonio Viola, che lavora nella comunità dehoniana di Villazzano – Trento, ha affrontato l'importanza dell'iconografia come rappresentazione della Passione e come mezzo per sostituire il pellegrinaggio a Gerusalemme, tra il Concilio di Trento e le apparizioni di Paray-le-Monial.

Infine, Stefan Laube della Humboldt-University di Berlino, ha affrontato l'evoluzione della rappresentazione del cuore umano dal 17 ° secolo.

Il colloquio si terrà tutto il giorno domani, 9 novembre, e può essere seguito in diretta via streaming da questo indirizzo: http://sacredheartconference.org/#presentacion

Tra gli interventi previsti domani c’è quello del nuovo Cardinale D. Tolentino Mendonça, Archivista dell'Archivio Apostolico Vaticano e Bibliotecario della Biblioteca Apostolica Vaticana.

Zeferino Policarpo, scj

FOTO DEL COLLOQUIO seta

 

La giornata è stata molto impegnativa, sia per il numero di relatori che hanno condiviso i loro pensieri con l'assemblea, sia per i contenuti e la varietà delle prospettive presentate.

La prima parte della mattinata, è stata dedicata al tema delle trasformazioni e dimensioni trans-culturali della devozione al Cuore di Gesù. Daniel Sidler dell'Università di Basilea ha presentato come questa devozione si è sviluppata tra l'era barocca e l’Illuminismo, alla fine del XVIII secolo, concentrandosi in particolare sulla realtà della Svizzera. Maria Antonia Herradon Figueroa, della Royal Academy of Bellas Artes di San Fernando (Madrid) ha parlato di come la devozione al Sacro Cuore è stata utilizzata come strumento al servizio della politica e delle ferite che tale appropriazione ha provocato nella società spagnola del ventesimo secolo. Pertanto, parlare oggi in Spagna della devozione al Sacro Cuore significa ricordare un periodo meno positivo della storia spagnola.

Paul Airiau, dell’Institut d'Études Politiques (Parigi) ha riflettuto su come monsignor Maxime Charles, rettore della Basilica del Sacro Cuore, a Parigi, promosse una riformulazione e un rinnovamento della devozione al Sacro Cuore durante il suo mandato (1968-1985). Da quel momento in poi, il culto del Cuore di Gesù divenne essenzialmente un culto eucaristico e riparatore, senza tuttavia escludere la dimensione sociale e politica, che aveva caratterizzato i tempi precedenti.

P. Fransiskus Purwanto dell'Università Sanata Dharma (Yogyakarta) ha presentato la realtà dell'Indonesia, dove la devozione al Sacro Cuore è stata portata dai missionari. Il culto fu rapidamente inculturato e oggi ottiene anche la simpatia della comunità musulmana e giavanese. La devozione al Sacro Cuore è essenzialmente devozione spirituale, ma ha anche il coinvolgimento sociale espresso nell'aiutare i più bisognosi e i più poveri della società.

Al termine della mattinata, abbiamo ascoltato gli interventi di Sven Baier e Damian Troxler, dell’ University of Teacher Education (Lucerna) sulla memoria e la didattica della devozione iconografica nella vita quotidiana della società.

Il simposio è proseguito, dopo la pausa del pranzo, con l'intervento di Marcello Neri, dell’Europa-Universität (Flensburg) che ha riflettuto sull'evoluzione della devozione al Sacro Cuore. Con Tommaso da Olera (1563-1631), la devozione al Sacro Cuore aveva come riferimento la sacra scrittura e non c'era rappresentazione e immagine. Con Santa Margherita Maria Alacoque (1647-1690), la devozione al Sacro Cuore è legata alla dimensione sacramentale ed è rappresentata da un'immagine concreta. È una devozione in cui l'istituzione ecclesiale ha la preponderanza. Il relatore ha concluso presentando alcune prospettive per rinnovare oggi la devozione al Sacro Cuore.

Il neo cardinale D. Tolentino Mendonça ha parlato della riscoperta del luogo del cuore. Per l'Archivista e Bibliotecario di Santa Romana Chiesa, il luogo del cuore è il corpo della persona, quindi una teologia dei sensi spirituali e dei sensi corporei deve essere valorizzata per promuovere oggi la devozione al Cuore di Gesù.

P. John van Hengel scj, di St. Paul University (Ottawa) ha parlato di come Padre Dehon ha vissuto la devozione al Sacro Cuore e p. Nicolas Steeves sj, della Pontificia Università Gregoriana (Roma) ha difeso che il Sacro Cuore di Gesù è uno stimolo fondamentale per la riflessione e immaginazione teologica.

Franziska Metzger ha chiuso questo Colloquio Internazionale raccogliendo le provocazioni della riflessione prodotta in questi giorni.

 Zeferino Policarpo, scj

FOTO DEL COLLOQUIO seta

 
Colloquio Internazionale sulla devozione al Sacro Cuore - 1R3A5533_7f35d2b6240e509f34e6109d6120e24f
Colloquio Internazionale sulla devozione al Sacro Cuore - 1R3A5619_1a0667ed8f1444a61e54f987e0510c75
Colloquio Internazionale sulla devozione al Sacro Cuore - 1R3A5781_45b80f0cea4d73bb9386ca2ac52a5b4b
Colloquio Internazionale sulla devozione al Sacro Cuore - 1R3A5503_479d60a9723dfbc2a912a4bf0ed13ed5
UFFICIO PER LA VITA CONSACRATA
Telefono 0669886217
Fax 0669886546
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. 

Copyright 2019 - Tutti i diritti riservati -
Progetto di comunicazione integrata Nova Opera